Info Post

Il software che va a caccia dei vip di Facebook e degli opinion leaders

Si chiama Influme ed è un nuovo software in grado di profilare gli utenti, trasformandoli in tester e consumatori di nuovi prodotti, sviluppato da Paolo Romani, ricercatore e sistemista esperto in comunicazione di massa a due fasi.

Influme s’inserisce nel traffico di chi è un “social vip”, in possesso di una massa di contatti tale da definirsi nodo principale di una affollatissima rete di utenti, per generare successivamente commenti, rimandi, collegamenti, “mi piace”, riguardanti prodotti, stili di vita e mode ben determinate.

Influme è in realtà un insieme di programmi autonomi che funzionano coordinandosi tra di loro. Utilizzano una gestione con code di lavoro. In pratica ogni unità riceve una specie di elenco di attività da svolgere e che deve quindi smaltire. Nel caso il carico diventi eccessivo lo stesso modulo “si replica” quanto basta per alleggerire il carico del singolo.
Con una gestione di questo tipo, ogni modulo non deve necessariamente rimanere in attesa che un certo evento si completi. La divisione è necessaria per poter portare avanti l’enorme mole di informazioni da gestire ed elaborare. Questo sistema limita al massimo la creazione di colli di bottiglia che naturalmente si vengono a creare.

Il programma sa che non tutti i vip di Facebook sono degli opinion leader. La prima operazione che compie, è individuare chi ha molto seguito tra gli utenti della rete. Ci sono diversi ‘trucchi’ per trovarli. Il sistema ne utilizza uno molto comodo: osserva la quantità di commenti che questi hanno. Poi valuta il singolo commento: positivo, negativo o neutro. Successivamente ‘lo cataloga’ con un punteggio, ma solo in relazione all’argomento che viene trattato in quel momento, dando maggiore importanza all’emozione che suscita che altro, riconoscendo l’associazione con una condizione di rabbia, di gioia, di apatia o di entusiasmo.

Influme va a “caccia” di Vip, in ultima analisi, perché questa è la figura che permette meglio di catalogare un determinato pubblico del web. Non gli interessa di entrare nelle “loro vite”. L’automatismo effettua questa operazione asetticamente, in fondo si tratta di un algoritmo. Romani ha dato vita a questo sistema quasi eticamente, senza approfittare delle potenzialità d’influenzare il prossimo ma ponendosi dei limiti. Certo il fine per cui Influme è nato sarà l’eCommerce, ma con un taglio “basso”, per così dire: una connotazione utile ma al contempo non invasiva.

Si tratta quindi di coinvolgere l’utente/acquirente in un processo in cui lo vede più protagonista veicolandolo verso prodotti che si avvicinano il più possibile ai suoi reali bisogni.

Suggerimento...

Forse non ti sei accorto della truffa, leggi qui

Suggerimento...

Leggi anche: La storia del Metodo eCommerce Vincente, una storia che riguarda te.

Suggerimento...

Ci sono 11 SUPER BONUS GRATUITI che devi assolutamente avere!
Vai al link cliccando qui, li trovi appena dopo la metà.